martedì, ottobre 17, 2006

L'eredità

Davanti al notaio Alessandro Zeimi addì 17 ottobre 1806, si stabilisce davanti ai testimoni Frodo Lento e Miglio Scogna che tutti i beni della nostra famiglia andranno al curato di San Priapo, Chiuso Coriza, e ai suoi figli e agli amici dei suoi figli e ai discendenti loro anche se la loro vita sarà costellata di cazzate.

Ragazzi, così c'è scritto e così deve essere - ci ha scritto il Notaio Al Zheimer di New York City - non fate altre cazzate. Cazzate? Noi?

Dopo questo antefatto, e con l'accordo di smetterla, abbiamo avuto accesso all'eredità. Indovinate ora:
1 - cosa
2 - quanta
3 - cosa ne faremo

Nessun commento: