giovedì, ottobre 19, 2006

Il problema del consenso



In seguito alle focose polemiche sull'utilizzo di questo blog, e a causa delle numerose raccomandazioni che provengono da molte parti sulla prossima serie di Ondestorte in diretta, sento il bisogno, come amministratore di questo blog e co-autore della trasmissione, di affermare almeno un principio fondamentale: ciò che ci guida non è la ricerca di consenso. Oggi quasi tutti i programmi sui media tendono a fare ascolti. Fortunatamente, il nostro editore (Radio Nostalgia) ci consente la massima libertà di espressione e noi scegliamo di dire e fare quello che ci diverte, consapevoli che qualcuno (speriamo molti) rideranno, altri si incazzeranno e altri ci compiangeranno.
E' sempre successo così, e sembra che a ridere (fino ad oggi) siano stati in tanti. Noi continuiamo con la nostra scalercia, squinternata e desolante banda di deficienti senza speranza. La ricerca del consenso la lasciamo agli intelligentoni.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Nazista.

Anonimo ha detto...

Questo post non fa ridere.

Anonimo ha detto...

Dunque fammi capire Klaus
voi sareste come eroi perfetti che non hanno mai fatto compromessi? ma il fatto stesso di fare una trasmissione è puro narcisismo, caro. Come pure questo blog. E allora, se siete nel meccanismo (e ci siete) vi conviene accettare le regole. E a me il mondo di onde storte non scandalizza e non mi fa arrabbiare, ma neanche mi fa ridere. Francamente vi trovo molto volgari (so che questo scatenerà le vostre forche caudine) anche se ogni tanto (raramente) c'è qualche impennata di creatività. Ma si può ridere anche di gusto senza parlare sempre del lancio di escrementi o di usi impropri degli organi sessuali. Prendetela come una sfida. Potete migliorare, vi controllo.

Anonimo ha detto...

Klaus, attento, la signorina è della Telecom

Anonimo ha detto...

Klaus, dimenticavo, sei volgare e non fai ridere Erika. E poi non fai altro che parlare di merda e di usi impropri del cazzo e della fica. Vergogna.

Anonimo ha detto...

Ma scusa, solo il fatto di aver messo un counter significa almeno una verifica del consenso o comunque delle visite.

Raccontare una barzelletta è una ricerca di consenso.

Se il counter fosse zero e vi dicessero che zero persone ascoltano la radio, sicuramente smettereste.

Poi ci sono anche quelli che parlano al muro, ma è un'altra cosa.

Anonimo ha detto...

Io comunque rido e questo blog lo guardo spesso.
Klaus, però questa pompa di notizia ce la potevi risparmiare che non fa ridere affatto.
A parte la fighetta a settantacinque gradi, che mi ffustra perchè le donne non si mettono mai così

vosto
Gigi the Boxer

Anonimo ha detto...

E io ti dico:
"Senti un po' Klaus, fatti i cazzi tuoi". Dicci un po' a tutti che ONDESTORTE non si fa mai più, così vediamo un po' che cosa fanno poi.
Intanto io la mia rubrica di cucina la faccio dove mi pare e anche il sig. Merda che abbiamo la fila di emittenti che ci corteggiano. Diteladderekkkk!