lunedì, febbraio 13, 2012

ECCEZIONALE RITROVAMENTO ARCHEOLOGICO


Il Dipartimento di Archeologia Onanista dell'Università di Traso, dopo studi durati 37 anni, ha portato alla luce un reperto archeologico di inestimabile valore. Dalle Grotte di Loinmano in Val Segona è stato scoperto un graffito rupestre con alcune scritte primitive, che gli studiosi fanno risalire al Segaceo Superiore. E' stato decifrato il rozzo e minimale alfabeto, pare che l'individuo raffigurato si chiamasse Gnuf e, dopo essere stato sedotto ed abbandonato da un segosauro, si suicidò marcendosi di sege, imitato da tutti gli uomini della tribù.

4 commenti:

gnof ha detto...

avevano il cazzo grosso i cavernicoli

gnef ha detto...

vedessi il mio

gnof ha detto...

ma ti marcisci anche tu di seghe?

gnef ha detto...

no lo picchio nella borsa dell'acqua calda