martedì, novembre 27, 2012

Malvito celebra il Palla

1958: un giovane Derek Vissani visiona gli asinelli con una speciale apparecchiatura a raggi iota di sua invenzione, che consente di individuare gli aculei e predisporre l'animale per l'imbambinatura.

5 commenti:

Derek Contro Tutti ha detto...

Che quello era il prototipo dell'incutitoio. Di provare a imbambinarlo in atmosfera modificata lo mettevamo nei raggi iota una mezzoretta e infussione degli acidi di arresto e fissaggio che poi si sviluppa a libretto. Ottimo.

Anonimo ha detto...

il bambino ha visto il cazzo dell'asino

Anonimo ha detto...

ma va a gagare. tutte palle e stronzate. quegli occhiali non sono veri. Quelli veri non hanno le cuffie. Derek sei un bulico

Un vicino incazzato ha detto...

Vergogna! Continuate ad insabbiare la vicenda dei primi asini sottoposti al prototipo, quelli che i raggi iota facevano gonfiare ed esplodere, che ho avuto il cortile pieno di pezzi d'asino e schizzi di merda e sangue per un mese, e di notte non si riusciva a dormire per i botti degli asini esplosivi, e gli aculei conficcati su tutta la facciata della casa, e la macchina nuova sfasciata da una coscia d'asino volante, e non mi avete mai mandato nemmeno un piatto di asino cottaccrudo per scusarvi, ma io vi mando i NAS, cazzoni che non siete altro.

ASINO ha detto...

... e a me non ci pensa nessuno?