giovedì, maggio 06, 2010

Giuro, è vera.

FOVEA JAZZ PROJECT GIANNI INSALATA-FELICE LIONETTI
ALMENO TU...
PHILOLOGY

Con feeling e proprietà d’espressione, in un repertorio che presenta accattivanti renditions di alcuni standards, un paio di brani originali, la rivisitazione di una canzone italiana, di ”The Pink Panther” e di un brano di Bach, si svolgono gli scenari jazzistici del batterista Gianni Insalata e del pianista Felice Lionetti nel cd “Almeno tu...”. Insalata esprime un drumming diretto e calzante, ora dal soffice sottendere, ora dal netto fluidificare con efficacia e dinamismo, con una ben indirizzata spinta ritmica che, insieme al duttile e partecipe cardinare di Tommaso Scannapieco al contrabbasso, lancia con spumeggiante verve gli interventi di Lionetti al pianoforte e di Daniele Scannapieco al sax tenore. Lionetti delinea con coordinata e briosa limpidezza il suo gradevole giustapporre d’alea, che scorre punteggiato con trascelto e crescente periodare e si schiude in continuità con leggiadra spigliatezza e un cristallino involarsi con naturalezza e levità. Il brillante giostrare e il nitido sgorgare del fraseggio di Lionetti si irradia aggraziato con chiare pennellate e un ben calibrato innestare e un mirato infittire e intensificare in scioltezza dall’armonioso diramarsi con coesione, dall’agile e determinato nel contempo diramarsi e passa il testimone a Daniele Scannapieco che si invola al sax tenore in avvolgenti e ben tornite spirali d’alea, dal sound robusto e vellutato, in un inanellare espugnante che sgorga lussureggiante e coinvolgente in sguscianti e ficcanti affondi, dal corposo insinuarsi e dall’armonioso propagarsi con avvincente facondia. Daniele Scannapieco discorre tra slancio e savoir faire e fa sgorgare senza remore il suo rigoglioso periodare che corona in scioltezza con munifica robur e ben ponderato e sfumato fluire, sempre sotto l’azione del soffolcere e rifinire con concretezza e prontezza di Insalata e Tommaso Scannapieco. In due brani si apprezza il miniato e penetrante intessere in profondità con prestante sciorinare e scintillante zampillare di Palmitessa, ospite on guitar.

Giordano Selini - Italian jazz convention 2006

(Evidenziaturizzazioni di Derek)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

A.A.A. cedesi ( causa inutilizzo )
n.2 Spirali d'alea nuove ( garanzia fino al 15 /08 /2010 )
n.1 Munifica robur ponderata ma non sfumata
n.1 Facondia fluidificata
n.1 Forma da 55 Kg di Grana Padano
n.4 Cuscinetti a sfera datati circa 1935 ( Rarissimi )
n.1 Paracarro

Devoto-Oli ha detto...

Giustappone surretiziamente lessemi desemantizzati, non sollucchera l'euristica del lettore.

De-Re-KK ha detto...

caro devoto dell'olio, hai ragione a 360°, assolutamentesì-assolutamentenò-attenzioniamoci