venerdì, marzo 20, 2015

Sensazionale scoperta per la criminologia

La Polizia Scientifica Circassa e l'Istituto di Patologia e Chirurgia Ricostruttiva del Culo dell'Università di Barnarda Patorchia, dopo anni di studi e sperimentazioni hanno presentato alla Comunità Scientifica un rivoluzionario studio sull'identità del culo. Il Professor Sphinterio Kulaz, specialista di deflagrazione del tafanario e responsabile del progetto (simpaticamente inserito nell'immagine), ha così dichiarato ai microfoni di ONDESTORTE: "Dopo 64 anni di sperimentazione,  l'analisi, la sperimentazione, la classificazione e l'uso di 487.654 culi, possiamo dire che il culo è un elemento di riconoscibilità inoppugnabile per ogni essere umano, come le impronte digitali od il DNA. Ogni cittadino sarà obbligato a recarsi all'Anagrafe Culi per essere schedato. La schedatura comprenderà 3 fotografie, un rilievo, la capacità, il calco e le dimensioni dello sfinterio del culo. Sarà un ulteriore elemento probatorio contro la criminalità".


3 commenti:

Pizzacil ha detto...

rilasceranno anche un tesserino magnetico (cagomat) con codice anale che, se inserito nella fessura del culo, con una user e una password ti fornirà l'estratto-merda

Deret Ano ha detto...

Ho riconosciuto almeno 10 persone nella foto

Kulo ha detto...

Il professor Kulaz ha la faccia da culo