giovedì, settembre 16, 2010

Il film di Ondestorte vince al Festival di Venezia

Il premio speciale "Leone di Caciucco 2010" della Giuria del Festival del Cinema di Venezia è stato conferito al film "Il mangiamerda" del regista Federfuco Fellatio. Il film, sponsorizzato da Ondestorte, racconta la vicenda di Don Zèpos, un prete di colore, trans, nazista militante di Al Qaeda e spia del KGB che ha un rapporto incestuoso con un attaccapanni dell'Ikea di nome Wigjekko che lui usa come protesi prepuziale dopo averlo seviziiato, sodomizzato e fatto a pezzi. La vicenda, che si svolge al tempo delle crociate degli Aborigeni australiani contro i Buddhisti si sviluppa nella sala operatoria di un grande ospedale americano che ospita le selezioni per pornostar omicide tossicodipendenti. Tutto va a gonfie vele, ma lo scoppio della bomba atomica porta in scena il personaggio di Kiu Kiu, un feticista mutante gerontofilo che viene rapito dagli alieni per farlo diventare Papa. Riusciti nel loro intento, gli alieni capeggiati da Kiu Kiu vogliono fare un'orgia con Don Zèpos, ma la richiesta finisce in un bagno in piscina, dove i due amici commentano amaramente gli effetti di una nuova droga che fa esplodere il buco del culo.
  ★ ★ ★ ★ ★ ★ Imperdibile.





3 commenti:

Derek Cinéphile ha detto...

La scena più bella è quando lui la bacia mentre la piscina si svuota portando alla luce una riproduzione del sacro Graal eseguita in onice.
Buono veramente il piano sequenza in cui Kiu Kiu salva un passero intirizzito mentre mitraglia gli Aborigeni che a loro volta intessono rapporti commerciali con la setta dei Tombaroli Eleusini che a loro volta gareggiano su vecchie biciclette con il cambio a bacchetta.

Derek IMDb ha detto...

Direttore della fotografia: Rotonda Storero

Potemkin ha detto...

L'ho visto, è una cagata pazzesca