martedì, giugno 16, 2015

Rarissima immagine vintage reperita nella Parrocchia di San Colin a Malvito Marina

Che in queste immagina ci potete vederci di una volta che le cugine e sorelle della famiglia è andate daccordo di fare una festa senza tirarsi i aculei.
Detto fatto si ha deciso (il vechio zio Jeremiah Mesmer Vissani-Improta) di rispolverare i antichi rituali appropiziatori degli antichi Stirpi dei Caldei che vivettero di Malvito al inizio del secolo quarto a Cristo e successivi. Chi erano i Caldei che veneravano il feticio di Asino Sacro che delle cerimonia di impiattarlo e tutte le libagioni del rito dell'imbambinagione e i fuochi fredi di cuocere a crudo? Questo non si sa, ma nella foto potete ammirare le femmine che anticamente erano a mazzoni completamente nude e si dice si avvalevano di un clitorito che era lungo quasi pari alla minchia. Esse erano impossessate dei demoni animali che fuggivano della bestia al momento dell' imbambinarlo. E qui  si vede che imitano del rito propizziatorio antico dell'immbambinagione dell'asino di averlo privato ecc ecc.
Da sinistra:
Morganatica Trullafelce Vissani-Firpo
Malmostosa Vipera Termidori Vissani
Pantegazia Barboncinzia Improta
Guazzabuglia Pertinacia Improta-Firpo
ed infine la zia Svirgolata Pinolata Improta Vissani de Bligny che divenne poi titolare del primo Palla di Pelo aperto in franciais (a Narbonne)

Di queste ben tre si dettero poi alla pazza gioia del furore uterino e furono proibite di entrare in cucina.

1 commento:

Bagna Nte ha detto...

Mai fighe !!!!
La prima a sinistra col suo vestitino aderente mi arrapa molto